Importante svolta nelle indagini sull'omicidio dell'avvocato Enzo Fragalà, avvenuto il 26 febbraio del 2012: fu ucciso dalla mafia. Secondo l'accusa, il penalista sarebbe stato assassinato da Cosa nostra, perché indirizzava i suoi clienti all'apertura verso la magistratura. 

La mafia avrebbe preteso rispetto e avrebbe così deciso di lanciare un messaggio intimidatorio all'avvocatura. Sei persone sono state arrestate per l'omicidio: si tratta di rancesco Arcuri, Antonino Abbate, Salvatore Ingrassia, Antonino Siragusa, Paolo Cocco e Francesco Castronovo.

Dai verbali dell'indagine sarebbero emerse queste parole del pentito Francesco Chiarello: "Chistu era un curnutu e sbirru, dovrebbe parlare più poco… Non ci toccate soldi nè oggetti, perchè lui deve capire che non è una rapina, deve capire che deve parlare poco".