Mane Melal Melaie, algerino di 34 anni irregolare in Italia, è stato espulso per motivi di sicurezza. L'uomo era stato denunciato all'autorità giudiziaria dalla Digos di Catania per "istigazione a commettere delitti di terrorismo" dopo aver pubblicato, sul proprio profilo Facebook, frasi di consenso alle persecuzioni contro le comunità cristiane in Medio Oriente da parte di formazioni jihadiste.

Con quella di oggi sono 86 le espulsioni eseguite nel 2017 e 218 quelle eseguite dal primo gennaio 2015 a oggi. L'algerino, entrato in Italia nel gennaio 2016 da Lampedusa, online si faceva chiamare Zidan Zidane (più o meno come il celebre allenatore del Real Madrid che di nome fa Zinedine) e aveva pubblicato sul profilo un link titolato "Spunta la mappa dello sterminio: così la jihad elimina i cristiani", commentandolo con frasi di consenso.

Melaie è risultato essere collegato ad articoli diffusi su fonti aperte relativi a persecuzioni nei confronti di comunità cristiane in Medio Oriente da parte di milizie jiahadiste.