Importante sentenza della nona sezione del Tribunale di Roma, che mette un punto molto significativo sulla possibilità di "prendere" le fotografie da Facebook, senza il consenso di chi le ha scattate. La diffusione sul social network, infatti, "non comporta la cessione integrale dei diritti fotografici": in questo modo viene riconosciuto il diritto d'autore

Nel caso specifico, il tribunale ha condannato un quotidiano, colpevole di aver pubblicato alcuni scatti presi da Facebook, senza il consenso dell'autore. Tutto è partito dalla denuncia da parte di un fotografo, che aveva pubblicato alcune foto scattate in una discoteca romana: le  immagini sono state utilizzate da un quotidiano nazionale, condannato, e sono state anche riprese da alcuni programmi televisivi di rilievo nazionale. Secondo il giudice, la libertà di utilizzo di quei contenuti che vengono condivisi con l'impostazione "Pubblica" 

non riguarda infatti i contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale degli utenti, rispetto ai quali l’unica licenza è quella non esclusiva e trasferibile concessa a Facebook.