"A New York sulla scale mobili in salita tutti camminano, a Milano solo la fila di sinistra. A Roma stanno tutti fermi. A Palermo manca la metropolitana". Lo ha scritto su Facebook il giornalista Filippo Facci, noto per le sue sortite spesso e volentieri irriverenti, che alle volte non mancano di indispettire pesantemente qualcuno. Come quando l'Ordine dei giornalisti lo ha sospeso per un articolo al vetriolo sull'Islam. 

 

Con il suo post, Filippo Facci è dissacrante, attestandosi a metà tra la battuta sull'arretratezza infrastrutturale e quella culturale. Decine i commenti al suo pensiero, e molti non sono stati teneri. Facci, 50 anni, è originario di Monza, in Lombardia.