L'Italia batte forte sulla sicurezza in vista dell'imminente G7 di Taormina. Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che per maggio 2017 stabilisce l'incremento del contingente di personale delle forze armate, già destinato alle esigenze di prevenzione e contrasto della criminalità e del terrorismo, di 2.900 unità. Il conto è presto fatto: da 7.050 si passa a 9.950 unità.

Sui lavori, in vista del summit, era intervenuto ieri il commissario per il G7, Riccardo Carpino, che ha effettuato il punto della situazione sullo stato dei lavori che sono necessari per affrontare l'appuntamento internazionale: "Riusciremo ad affrontare il G7 nel migliore dei modi e stiamo realizzando nella messa in opera degli interventi un piccolo record". Il commissario spiega:

"È stato allestito il cantiere per il parco 'Giovanni Colonna Duca di Cesarò', il giardino pubblico cittadino, la cui passeggiata panoramica, interessata da uno smottamento, adesso sarà ripristinata. L'impresa incaricata avrà quindici giorni per ultimare i lavori. Per quanto riguarda le opere relative al manto della via Teatro Greco, ci siamo incontrati con il sovrintendente di Messina, Orazio Micali, il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, e i progettisti per verificare i vari provini dei colori da adoperare per la stesura del nuovo manto. In relazione al Palazzo dei Congressi non mi dispiacerà che dopo il G7 si possa raggiungere un'agibilità definitiva della struttura. Si sta compiendo per la realizzazione di tutte queste opere un piccolo record che è quello di effettuare le gare con procedure normali. Il 15 maggio, ad esempio, è il termine ultimo per la consegna delle opere della struttura congressuale e delle due elipiste che sono a buon punto. Per quanto riguarda le strade siamo a una fase importante nonostante numerosi imprevisti. Se tutto andasse per il verso giusto in settimana potremmo concludere i lavori anche per dare respiro ai cittadini taorminesi che con tanta pazienza stanno sopportando i disagi".