È stato trovato morto con la cintura allacciata all'interno dell'auto. Macabra scoperta quella di alcuni residenti di via Case Alesci, sul litorale tra Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese, ieri sera intorno alle 23. Era il corpo senza vita del noto commercialista Giuseppe Marzullo, 72 anni, presidente del collegio sindacale della Tirrenoambiente, la società che gestisce la discarica di Mazzarrà Sant'Andrea messa sotto sequestro dalla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto. Marzullo era presidente anche del collegio dei revisori dei conti del Comune di Barcellona.

È stato possibile risalire all'identità dell'uomo solo grazie alla targa dell'auto. Secondo i carabinieri, titolari delle indagini, si tratta di suicidio. Ma i dubbi persistono. Il commercialista sarebbe morto intossicato dai fumi sprigionatosi da un incendio all'interno dell'abitacolo. Le fiamme si sarebbero poi spente per mancanza di ossigeno dentro l'auto con i finestrini chiusi e non avrebbero aggredito il corpo. Dentro alla macchina è stata ritrovata anche una tanica di benzina.

La famiglia sembra non credere al suicidio e lascia trapelare che niente facesse pensare a una simile possibilità. In ogni caso nessun'altra pista è stata ancora esclusa ma sul corpo non sono stati rilevati segni di violenza. Resta dubbio anche il particolare che l'uomo avesse ancora la cintura allacciata. Ed è sgomento a Barcellona Pozzo di Gotto per la fine di Marzullo, che in passato era stato anche presidente del consiglio comunale.