In preda a una crisi depressiva ha tentato il suicidio, cospargendosi il corpo con l'alcol e dandosi fuoco con un accendino sul balcone di casa. L'episodio è avvenuto a Giarre, in un'abitazione di via Emilia, e la protagonista è una donna di 49 anni. A lanciare l'allarme sono stati i vicini di casa, che hanno assistito alla scena, hanno spento le fiamme e hanno poi chiamato i vigili del fuoco del distaccamento di Riposto e un'ambulanza.

Gravi le sue condizioni: è stata trasportata in elisoccorso al centro grandi ustionati dell'ospedale Cannizzaro, dove è stata ricoverata in rianimazione. I medici le hanno riscontrato ustioni di secondo e terzo grado sul 50% del corpo e la prognosi rimane riservata. I carabinieri hanno ascoltato il marito, che in quel momento era al lavoro, alcuni familiari e i vicini di casa, per fare luce sull'episodio.