Appello al Parlamento Europeo da parte di un gruppo di eurodeputati del gruppo S&D. Tra migranti, trafficanti senza scrupoli e corsa alle risorse ittiche, è in atto una vera e propria "guerra" nel Canale di Sicilia. L'Unione Europea – spiega Today.it – deve intervenire per tutelare chi, come i pescatori di Mazara del Vallo, deve fare fronte ai continui sequestri di imbarcazioni da parte delle autorità dell'altra sponda del Mediterraeo. E bisogna considerare il contributo che gli stessi danno ai soccorsi e al salvataggio dei migranti.

Alla Commissione Ue è dunque arrivata un'interrogazione. I deputati chiedono a Bruxelles di intervenire a tutela di questi lavoratori: “La situazione nel Canale di Sicilia, dove da tempo si reiterano sequestri di pescherecci in acque internazionali con episodi di mitragliamento di pescatori, è gravissima”. Queste azioni, si legge ancora, “compiute da paesi extra Ue” possono “configurarsi come veri e propri 'atti di guerra' nei confronti di cittadini europei”. Pertanto, gli eurodeputati chiedono  che venga avviato “al più presto un dialogo con gli Stati membri e i partner rivieraschi che porti a concreti accordi per la tutela dei diritti e della sicurezza dei pescatori europei”.