PALERMO – I famosi pupi siciliani, il cui ricordo è emblematico nei pupi della famiglia Cuticchio, tornano a casa. 

Non che fossero andati da qualche parte ma è la Fondazione Sicilia ad acquisire la pregiata collezione della famiglia Cuticchio per donarla al prossimo con una mostra permanente a Palazzo Branciforte nell'ala che opsitava un tempo, il Monte dei Pegni.

Sono ben 109 i pupi siciliani. Ad arricchire la collezione sono anche 39 scene teatrali, nove cartelloni pubblicitari e due piani a cilindro. Un patrimonio inestimabile se si pensa che l'Unesco ha dichiarato patrimonio orale ed immateriale dell'umanità, l'opera dei pupi siciliani.

La collezione è stata realizzata dalla famiglia Cuticchio negli anni tra il 1830 ed il 1960. A volere fortemente i pupi è stato Giacomo Cuticchio e la moglie Pina Patti. Ad ereditarne la proprietà è stato in seguito il figlio Mimmo Cuticchio, cantastorie e figlio d'arte che in via Bara dell'Olivella (PA) ha realizzato un vero teatro dei pupi siciliani. 

Ed i pupi quindi cambiano casa e si spostano di poco. Il Teatro dei Pupi è infatti vicinissimo al Palazzo Branciforte, nuova dimora della collezione dei Pupi della famiglia Cuticchio che potrà essere così apprezzata in una nuova veste. Ad allestire la mostra permanente è stato Mimmo Cuticchio con i suoi fratelli per rendere omaggio – una volta e per sempre – alla storia eccellente della sua famiglia.