Due squadre, due città, due tifoserie ma anche due modi totalmente diversi di fare calcio. Se il Palermo di Zamparini, in questi anni, si è permesso il lusso di investire su campioni e allenatori di assoluta fama, il Catania di Pulvirenti ha investito nella programmazione, nello scouting sia in campo che fuori.

[Continua la lettura dell’articolo]