ZACentrale aspira a sviluppare la città italiana di Palermo come polo artistico regionale e a servire la sua peculiare comunità locale.

Mario Merz è uno dei pochi artisti il cui lavoro può riempire l’hangar di 17.000 metri quadrati occupato da ZACentrale, il nuovo centro d’arte contemporanea di Palermo. Per la sua mostra più recente, il progetto gestito dalla Fondazione Merz ha abbinato alcune imponenti installazioni dell’artista dell’Arte Povera a una serie di opere contemporanee che esaminano il cambiamento climatico e l’immigrazione. Il fulcro della mostra riflette la promessa fatta da ZACentrale quando è stata inaugurata lo scorso ottobre: sviluppare la città come polo artistico regionale, servendo al contempo la peculiare comunità locale di Palermo.

Palermo è una destinazione turistica che offre cibo e architettura tipicamente siciliani, ma è anche sede di una vivace comunità di immigrati e di una scena artistica in crescita. Per decenni, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha lavorato per rilanciare l’ex centro mafioso come città globale e multiculturale. La svolta per Palermo è arrivata nel 2018, quando Orlando ha deciso di ignorare l’ordine del governo italiano di chiudere i porti alle imbarcazioni di salvataggio che trasportavano i migranti bloccati. Invece, Orlando ha concesso la cittadinanza onoraria a questi rifugiati e ha aperto loro i servizi sociali della città. Nello stesso anno, Palermo è stata incoronata capitale italiana della cultura e ha ospitato la 12ª edizione di Manifesta, una delle principali biennali europee. La città siciliana è emozionante anche per il NetBet live betting.

Questi due eventi hanno rappresentato una svolta per la città, secondo Agata Polizzi, curatrice capo di ZACentrale e siciliana d’origine. “Manifesta è stata un’opportunità per dimostrare alla comunità artistica più ampia che Palermo può avere una scena artistica contemporanea”, ha detto Polizzi. “Abbiamo l’atteggiamento giusto, abbiamo i professionisti e abbiamo gli artisti”. La città ha deciso di capitalizzare questa energia costruendo un distretto culturale in un sito industriale dismesso. Oggi i Cantieri Culturali alla Zisa ospitano più di 20 organizzazioni artistiche, tra cui ZACentrale.

ZACentrale ha seguito un percorso già noto, quello del Guggenheim di Bilbao: costruire un’area industriale dismessa, mettere in primo piano l’impegno con la comunità locale e generare commissioni di alto profilo che trasformano una piccola città in un centro artistico. Innumerevoli città hanno cercato di imitare il cosiddetto “effetto Bilbao”, con vari gradi di successo. Certo, Palermo non è una città industriale degradata: è un capoluogo fiorente con quasi 1 milione di abitanti. Ma è anche relativamente marginale rispetto ai maggiori centri artistici italiani come Roma e Venezia. Palermo ha solo due gallerie commerciali e un piccolo ma affiatato gruppo di artisti praticanti.

A differenza di molti altri cloni di Bilbao, ZACentrale ha mantenuto la promessa di mettere in primo piano l’impegno della comunità e di promuovere gli artisti locali. La sua mostra inaugurale ha visto la presenza di una serie di artisti locali accanto a luminari del mondo dell’arte come Lawrence Weiner e Alfredo Jaar. Ordo naturalis, ordo artificialis, la seconda mostra del centro, presenta un mix simile di artisti locali e internazionali. Inoltre, si concentra sui temi del cambiamento climatico e della migrazione, entrambe questioni urgenti a Palermo.

ZACentrale ha anche ampliato i suoi sforzi di coinvolgimento della comunità, collaborando con gruppi scolastici locali e membri del pubblico per offrire visite guidate. Dall’apertura, ZACentrale è stato visitato da oltre 8.000 persone. Un recente mercoledì mattina, lo spazio del centro era occupato da un gruppo di studenti delle scuole superiori che stavano lavorando a un progetto fotografico. In gruppi di tre o quattro, gli studenti hanno lavorato insieme per trovare le angolazioni per catturare le sculture di Merz e hanno parlato tra loro di un’opera video dell’artista italiano Andreco, in cui diversi attori eseguono un rituale apparentemente medievale incentrato sui fiumi di Roma, Palermo e India.

“È stato molto coraggioso da parte di Orlando e della Fondazione Merz rischiare con questo progetto”, ha detto Polizzi. “Spero che il prossimo leader capisca il valore di questo progetto e lo porti avanti”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia