01È morta in un incidente stradale nel trapanese, Valentina Zerilli. La donna, di 28 anni, si trovava nella zona di Petrosino ed era incinta di otto mesi. Lascia 3 figli; grave la bimba di un anno.

Non c’è stato nulla da fare per la mamma che stamattina, all’ottavo mese di gravidanza, è stata portata all’ospedale di contrada Cardilla, in zona Petrosino, nel trapanese. La donna di 28 anni, Valentina Zerilli, era a bordo di un’Alfa 147 con i suoi tre figli.

Erano le 09:30 quando la sua berlina si è schiantata contro una Mercedes station wagon, per finire contro un palo della luce in via Cafiso, angolo viale Regione Siciliana.
Tanta paura per il conducente mentre per la donna è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco perché il suo corpo era rimasto incastrato tra le lamiere.

Le dinamiche dell’incidente mortale sono ancora tutte da chiarire, quello che purtroppo si sa è che la donna, e il suo feto di otto mesi non ce l’hanno fatta, nonostante la corsa in ospedale. Illesi gli altri due figli, grave invece la piccola di 1 anno, che è stata portata con l’elisoccorso all’ospedale Di Cristina di Palermo, conosciuto per essere specializzato nella cura pediatrica.

E questo è solo l’ultimo dei molteplici incidenti che hanno flagellato le strade e autostrade della Sicilia in questi giorni; solo ieri, un operaio è stato investito sulla Catania-Palermo allo svincolo per Motta Sant’Anastasia, mentre si apprestava a rimorchiare un veicolo con il suo carroattrezzi. L’uomo, Enzo D’Alessandro di 40 anni, è stato centrato in pieno da un tir in corsa; aveva una moglie e due figli piccoli.

E nella città di Palermo, qualche giorno fa, una donna anziana è stata travolta da un’auto in via La Marmora. La pensionata versa in gravi condizioni ed è ricoverata all’ospedale Villa-Cervello, lo stesso in cui si trova anche la donna indagata per infanticidio per aver abbandonato sua figlia, nata da poche ore, in un cassonetto della spazzatura.

E sono molti i pedoni, che negli ultimi due mesi, a Palermo, sono rimasti coinvolti in gravi incidenti stradali; sia uomini che donne, dai 58 anni in su. Qualche giorno fa un’altra donna è stata ricoverata in pessime condizioni, e le cose non migliorano nel resto della Sicilia. Solo ieri sulla Caltanissetta-Gela il bilancio dei feriti risultanti dall’impatto di tre auto sul viadotto Capodarso, si è alzato a nove, disperata la situazione del diciannovenne di Villarosa.

E il 22 novembre, sulla strada provinciale 25 per Marina di Ragusa, un uomo di 43 anni muore, in sella alla sua bici, a seguito di un tamponamento con una Polo Volkswagen di proprietà di un ragusano di 79 anni.

Autore | Enrica Bartalotta