Immagine   Ascoltando i telegiornali o leggendo quotidiani e riviste ci si rende conto che ormai  gran parte delle notizie parlano esclusivamente di ruberie e  malaffare;  illeciti di ogni genere in cui  noi italiani sembriamo esserci quasi specializzati.  Ogni giorno ne scopriamo  sempre di nuovi ed “interessanti”; ad ogni livello facciamo scuola per metodo e qualità.  Insomma siamo proprio bravi.  Ormai al mondo non siamo secondi a nessuno!      Ma a giudicare da ciò che ha scritto una cinquantina di anni fa in una sua poesia in lingua siciliana un sacerdote, Padre Tommaso Giunta, evidentemente il malcostume delle italiche ruberie non si può dire  moda recente.  Ecco infatti come egli ne parla in questi suoi versi dal titolo:

LU BONU LATRUNI ITALIANU

 

A sonu di rancascia e di trummuni

nisciu sta liggi a la cassazioni:

“L’omu chi nun arrobba è un gran minchiuni!”

Lu populu ci fici attinzioni

e ognunu d’arrubbari fù patruni

senza paura ne suggizioni;

oggi l’italianu è un bon latruni,

picchì s’arrobba pi divuzioni.

Arrobbanu ministri e deputati,

li magistrati e li commendaturi,

su latri li duttura e l’avvucati,

li mastri, li viddani e professuri,

e portanu bannera arrisittati

capi-mastri, ‘ncigneri e appaltaturi.

 

A questo punto vien quasi naturale concludere con un classico ed istituzionale

VIVA L’ITALIA !