Un 48enne palermitano ha litigato con la compagna che voleva lasciarlo. E tutto questo dopo aver bevuto un po' troppo. "Basta, mi voglio suicidare", ha poi detto esplicitamente. Si è seduto sugli scogli del Passetto, la più nota spiaggia rocciosa di Ancona, nelle Marche, poi è sceso in mare dove l’acqua è bassa; alla fine è stato salvato da quattro agenti di polizia, avvisati dalla stessa compagna dell’uomo.

La discussione, una bottiglia rotta a terra e poi la scenata di follia davanti ai clienti di un ristorante. L’uomo, già in preda ai fumi dell’alcol, ha manifestato apertamente l’intenzione di farla finita. Non si sarebbe mai rassegnato a perdere l’amore della donna a cui era legato da diverso tempo. Prima si è seduto sugli scogli, poi è sceso in mare con l’acqua che gli arrivava al torace. Gli agenti lo hanno tranquillizzato e tirato a riva approfittando dell’unico attimo in cui il 48enne ha abbassato le difese. La tragedia, grazie alla solerzia dei poliziotti, per fortuna è stata evitata.