Macabro ritrovamento al cimitero di Caltagirone: all'interno di una casupola, a ridosso della parte monumentale del camposanto, sono state ritrovate le ossa di vari defunte, rinchiuse in sacchi. Sono state rinvenute nel corso di un sopralluogo del sindaco della città, Gino Ioppolo: il primo cittadino ha allertato i carabinieri, che hanno avviato gli accertamenti del caso. La scoperta fortuita è nata dalla necessità di rimuovere una vecchia casupola di lamiera. 

«Avevo concordato con l’assessore al ramo, Vito Dicara – ha detto il primo cittadino – di attivarsi in questa direzione ma, dopo gli approfondimenti del caso, ho appreso da lui che in quella struttura di lamiera abbandonata c’erano, probabilmente, ossa umane disseminate. Ho quindi deciso di verificare personalmente la fondatezza della notizia. Di fronte al triste spettacolo che si è presentato ai miei occhi, l’unica reazione possibile era avvertire immediatamente le forze dell’ordine. È molto spiacevole pensare che una persona possa piangere il proprio defunto recandosi a deporre un fiore davanti alla sua tomba, mentre i resti del proprio caro su trovano altrove, ammassati come pietre dentro un sacco abbandonato. L’accertamento di eventuali responsabilità non compete all’Amministrazione, che si assume invece l’impegno di assicurare ad essi una degna collocazione, anche se, purtroppo, molti rischiano di rimanere ignoti».