Ventidue persone sono indagate a Palermo per aver chiesto soldi per falsi incidenti stradali. Per truffare le assicurazioni, si presentavano al pronto soccorso di diversi ospedali per farsi refertare i danni provocati da incidenti mai avvenuti. Ai medici dicevano di avere dolore alla spalla e, arrivati in radiologia, riuscivano a cambiare le lastre con altri esami, dai quali effettivamente risultavano lesioni alla spalla.

I referti utilizzati per la truffa erano sempre gli stessi, sempre negli stessi punti. Proprio da qui sono partite le indagini che hanno permesso di scoprire il raggiro. Sono scattati controlli in diversi ospedali della città: le persone indagata, infatti, erano solite presentarsi in tutti gli ospedali per cercare di destare meno sospetti.