Avrebbe voluto un barattolo di Nutella con il suo nome sull'etichetta, ma questa bimba di 5 anni non ha potuto averlo. Il motivo? Il suo nome: la piccola si chiama Isis. La vicenda ha avuto luogo in Australia ed è stata riportata dal Telegraph. Una zia della bambina, che si chiama come l'antica divinità egiziana Iside, tradotto in inglese Isis, voleva regalarle un barattolo di Nutella personalizzato ma, al momento di inserire il nome, il sistema informatico che avrebbe dovuto creare l'etichetta si è bloccato automaticamente, rifiutando il nome, in quanto inappropriato.

Quanto accaduto ha mandato su tutte le furie la mamma della bimba, Heather Taylor, e la vicenda ha rapidamente fatto il giro del mondo. La Ferrero, che produce la famosa crema alla nocciola, ha fatto chiamare da uno dei top executive la donna, spiegandole che esiste una lista di nomi off limirs – come Hitler o Isis – che non possono essere stampati per evitare equivoci o strumentalizzazioni.

La spiegazione, però, non è bastata alla mamma infuriata: "Sono arrabbiata – ha detto – perché si rende sporco il nome di mia figlia". La Ferrero ha precisato che la campagna di personalizzazione in atto prevede "l'esclusione di alcune parole che potrebbero essere fraintese o ritenute inappropriate da una comunità internazionale più allargata" .