Birdman fa il pieno e vince 4 premi. La commedia del regista messicano Alejandro Gonzalez Inarritu  fa incetta di premi portando a casa ben 4 statuette e segna il proprio successo nella notte degli Oscar. La pellicola vince l'Oscar per il miglior film, sceneggiatura, regia e fotografia. Incentrato su un ex divo hollywoodiano che prova a rimettersi in gioco sui palcoscenici di Broadway, «Birdman» è un'operazione tecnicamente impressionante (quasi tutta la pellicola è girata in un unico piano-sequenza, seppur con l’ausilio di raccordi digitali) e una grande riflessione metacinematografica e sul mestiere dell'attore.

Si tratta di una commedia che racconta di una star che, dopo il successo mondiale nel ruolo del supereroe Birdman, vuole provare anche di essere un bravo attore e coinvolge figlia, amante, un amico nell’avventurosa impresa di scrivere e mandare in scena a Broadway un adattamento di un racconto di Raymond Carver. L’opera è stata premiata con l’Oscar, oltre che come miglior film, migliore sceneggiatura originale, migliore regia, migliore fotografia. 

L’Italia porta a casa la sua statuetta grazie ai costumi di Grand Budapest Hotel della costumista torinese Milena Canonero. Per lei è il quarto Oscar. Il premio come miglior attrice protagonista è andato a Julianne Moore per l’interpretazione di una insegnante malata di Alzheimer in Still Alice. Miglior attore protagonista è stato riconosciuto Eddie Redmayne per il suo ruolo in La teoria del tutto.Sul versante film straniero ha vinto il polacco Ida di Pawel Pawlikowski, pellicola in bianco e nero ambientata nella Polonia comunista, che racconta il cammino di una giovane novizia alla ricerca delle sue origini e della fede.