Per quanto balorda e prevedibile sia stata questa retrocessione, i nove anni del Palermo in A sono stati anni di soddisfazioni, di delusioni e di passioni, nove anni quasi tutti da incorniciare. Anni in cui la squadra rosanero ha fatto parlare di se, è stata spesso al centro dell’attenzione e ha realizzato una lunga serie di record che pochi si attendevano. Anche l’ultimo anno, per quanto sciagurato, ha visto la realizzazione del gol più straordinario dell’uomo simbolo del Palermo, il capitano Fabrizio Miccoli, che ha segnato forse l’unico gol della storia del calcio italiano al volo da 60 metri, con un’azione dove la palla non ha toccato mai terra. Quel 4 – 1 con il Chievo dell’autunno scorso.

[Continua la lettura dell’articolo]