Si iniziava cu joviri di cummari, si proseguiva con quello dei parenti, poi c’era quello du zuppiddu ed infine, per “santificare” il carnevale, ecco lu joviri grassu. Erano questi i famosi quattro giovedì di carnevale che precedevano l’arrivo della quaresima e che, appropriati proverbi, collegavano essenzialmente alla gastronomia.  Oltre ai tradizionali maccaruna cu sucu,  rigorosamente preparati in casa qualche giorno prima e lasciati lentamente asciugare appesi alle canne, il re incontrastato della festa era il cannolo.  Ed a tal proposito ho scovato questa poetica ode che propongo ai miei lettori.

Beddu cannolu di carnalivari,

megghiu muccuni o munnu nun c’è

su biniritti li spisi dinari

ogni cannolu è scettru di rrè.

Vannu li fimmini a disirtari

si a lu disiu iddu nun c’è;

cu nun’ni mancia si issi ammazzari

a cu nun ci piaci curnutu è!

 

         Buon carnevale a tutti.