La professoressa di religione Giovanna Nobile, uccisa sabato scorso all’interno della segreteria dell’Istituto Comprensivo ‘Francesco Pappalardo di Vittoria dal bidello Salvatore Lo Presti, era già stata minacciata in passato dal suo assassino. A rivelarlo in una lettera aperta sono i familiari della vittima che aggiungono nuovi particolari alla vicenda.

[Continua la lettura dell’articolo]