Sarebbero stati due, dei cinque esplosi, i colpi di pistola risultati mortali, per Giovanna Nobile l’insegnante di religione di 53 anni (madre di due figli e nonna da poco) assassinata da un bidello dello stesso istituto in cui lavorava, Salvatore Lo Presti, di 69 anni, che ha confessato il delitto.

[Continua la lettura dell’articolo]