PALERMO – Una "bravata", che però gli è costata carissima. Per evitare un'interrogazione pensa di lanciare un allarme bomba a scuola, così prende il cellulare intestato alla madre e telefona al centralino della scuola per denunciare la presenza dell'ordigno. La polizia esegue i controlli del caso e risale a un 15enne, denunciato in stato di libertà per procurato allarme.

L'episodio risale allo scorso 6 dicembre. Sono quasi le 11 quando al centralino della scuola di via Ugo La Malfa arriva la telefonata. Immediatamente viene allertata la polizia. Scattano le procedure del caso: alunni e personale sono invitati a uscire dall'edificio e intervengono artificieri e nucleo cinofili. I controlli danno esito negativo, ma partono gli accertamenti da parte degli agenti del commissariato San Lorenzo, per capire chi abbia lanciato l'allarme.

Dall'analisi dei tabulati telefonici, gli agenti sono risaliti a una donna. Come racconta nel dettaglio "PalermoToday", si tratta della mamma del 15enne, che risiede a Isola delle Femmine. Convocato in commissariato e interrogato, ha detto che si trattava di una "bravata". Un'idea per evitare qualche interrogazione, ma pagata a caro prezzo.