I carabinieri hanno denunciato a Catania un pensionato di 71 anni, accusato di lesioni personali aggravate e porto di armi od oggetti atti ad offendere. L'uomo, dal balcone della sua abitazione, ha visto il genero, un 47enne, mentre prendeva per le braccia la moglie (figlia dell'anziano) e la strattonava violentemente dinanzi alle due figlie minorenni. Di fronte a questa scena, ha preso un grosso coltello da cucina e, sceso in strada, ha affrontato il genero sferrandogli diversi fendenti al capo e alle braccia.

Alcuni vicini di casa, richiamati dalle precedenti urla della donna, avevano già chiamato il 112. Una pattuglia, intervenuta sul posto, ha bloccato e disarmato l'anziano, accompagnato poi in caserma per le formalità di rito. Sul posto è intervenuta anche un'ambulanza del 118, che ha trasportato il 47enne all'ospedale Garibaldi Centro: qui gli è stato diagnosticato un trauma cranico, oltre a una ferita al cuoio capelluto e ferite alle mani, con una prognosi di 15 giorni.

In seguito ad ulteriori approfondimenti sulla vicenda, è emerso che il ferito chiedeva continuamente denaro alla consorte e, di fronte al finiego la maltrattava, sempre di fronte alle figlie. Il 47enne faceva uso abituale di stupefacenti e alcol e aveva anche il vizio del gioco. La moglie lo aveva denunciato ed è così scattata la diffida da parte dell'autorità di pubblica sicurezza.