Una terribile storia, fatta di violenze subite e mai denunciate da parte dell'ex marito, che tuttavia alla fine sono riuscite a venire fuori, grazie ad un semplice, ma utilssimo, biglietto. Un prediugidcato di 59 anni, A.L.N., è stato arrestato a Palermo dagli agenti dei commissariato "Brancaccio" per maltrattamenti e stalking. L'uomo era già stato arrestato per il tentato omicidio della donna, con la quale viveva in un clima fatto di gelosia e violenza:

L'arresto – ha spiegato la polizia – ha chiaramente determinato l'interruzione del rapporto tra i due ma, dopo la scarcerazione dell'uomo, nulla è sembrato cambiare: la vittima, credendo alle promesse di un reale ravvedimento dell'ex coniuge, ha commesso l'errore di accordargli fiducia incondizionata. 

Maltrattata dall'ex marito, trova una soluzione per chiedere aiuto

Ma quelle promesse erano solo bugie, perché sono iniziate pressioni psicologiche, minacce di male fisico alla donna e ai suoi familiari (lei ha due figli, avuti da una precedente relazione) e violenza, con calci e pugni. Ieri, finalmente, la vittima ha deciso di non tacere più: ha approfittato di un incontro con il figlio – che era stato concesso dall'uomo solo a patto che lasciasse aperta una chiamata con lui per ascoltare il contenuto del colloquio – e gli ha consegnato un bigliettino, nel quale chiedeva aiuto. Il ragazzo ha chiamato la polizia e da qui è stato possibile arrestare l'uomo.