2014-300x187Mancano ormai pochi giorni a San Silvestro e a capodanno, e in tanti si staranno chiedendo che tempo farà in quei due giorni, in particolar modo durante la notte del 31 quando in molti affolleranno le piazze italiane per concerti o feste.

Alla luce dell’attuale modellistica numerica, come si era anticipato settimane fa vista l’attuale situazione tele connettiva tropo e stratosferica, sul comparto italiano non ci saranno irruzioni di aria fredda. Il vortice polare troposferico, nonostante gli indici tele connettivi al momento indichino un cambiamento netto di tendenza per il prossimo futuro votato ad una maggiore dinamicità, mostra ancora una notevole intensità (come testimoniano le ripetute tempeste che interessano il nord Europa). La corrente a getto polare ancora non conosce pronunciate e durature ondulazioni meridiani capaci di veicolare messa d’aria fredda verso basse latitudini, pertanto per gli ultimi giorni dell’anno a dominare le condizioni meteorologiche sull’Europa centrale ed occidentale saranno le correnti atlantiche.

Il 31 al centro nord prevarranno generali condizioni di bel tempo per una temporanea rimonta alto pressoria. Al nord le temperature massime si attesteranno attorno ai 7°C/9°C mentre durante la notte di San Silvestro in pianura le temperature oscilleranno tra i -1°C e i 3°C. Al centro e sulla Sardegna  le temperature massime arriveranno fino a 12°C/14°C mentre nelle ore notturne i valori saranno accettabili: in pianura non si scenderà sotto i 5°C con valori più miti in Sardegna (fino a 9°C/10°C). Al sud peninsulare e sulla Sicilia le condizioni meteo saranno condizionate da una latente circolazione depressionaria ionica. Rovesci e temporali interesseranno la Puglia, la Basilicata, la Calabria e la Sicilia orientale. Fenomeni più intensi, specialmente al mattino, sulla Sicilia orientale e Calabria ionica, in via di esaurimento nel corso della giornata. Per la notte di San Silvestro le condizioni meteo saranno migliorate sulla Puglia e la Basilicata mentre qualche rovescio si attarderà tra Sicilia e Calabria. Le temperature saranno miti e comprese tra 8°C e 11°C.

Le prime ore del primo dell’anno saranno generalmente buone su tutte le regioni, ma da ovest inizierà ad avvicinarsi la prima perturbazione del 2014. Nel corso della giornata le nubi aumenteranno progressivamente al nord e sulla Toscana con le prime precipitazioni specialmente sulla Liguria, l’alta Toscana e successivamente Piemonte e Lombardia.

Ritorneremo più avanti sull’evoluzione del mese di gennaio vista la forte virata dell’Ao index verso il basso, la diminuzione dei flussi zonali stratosferici e contemporanea risalita termica complice il previsto apporto di calore troposfera-stratosfera per la contemporanea ripresa dell’attività dell’onda 1 e 2.

Matteo Tidilli