La città di Palermo mantiene il suo primato, ma non è certamente uno dei più positivi: anche quest'anno, infatti, è una delle città più congestionate d'Italia. A dirlo è il TomTom Index, basato sui dati Gps delle automobili, che ha raccolto le misurazioni nelle metropoli e anche nelle città che hanno meno di 800.000 abitanti.

Da qui, con i dati raccolti nel 2014, è stato elaborato l'indice di congestione, cioè il tempo in più che si impiega a percorrere un certo tragitto a causa del traffico, rispetto a quando la strata e deserta. Palermo ha un livello del 42% e questo significa che durante il giorno, si perdono in media 30 minuti rimanendo in coda.

La seconda città italiana dopo Palermo (tra quelle che hanno meno di 800.000 abitanti) è Catania, che ha "appena" 18 minuti di coda. Considerando il numero di cantieri e lavori stradali, cresciuto notevolmente negli ultimi mesi, è probabile che nella classifica del 2015 Palermo potrebbe anche salire in classifica. Se non ci fosse stata la divisione tra metropoli e piccole città, il capoluogo siciliano si sarebbe piazzato al nono posto della classifica mondiale.