Sono tornato a Palermo dopo otto mesi per 4 giorni. La città è lì a guardare il mare nell’attesa che gli ennesimi lavori di fantomatiche metropolitane e tram da trenino Eurodisney finiscano di violentarla. Cantieri aperti a cielo aperto e nemmeno uno finito dopo 3 anni di lavori. Il prato del Foro Italico è ormai un campo di fieno. Però 10 mila euro per il Gay-pride ci sono. E per il sindaco Orlando la manifestazione pro omosessuali diventa un teatro dove affogare i fallimenti del primo anno di amministrazione.

[Continua la lettura dell’articolo]