21835_296072264504_2636923_n

Spremuta di arance nei bar siciliani a un euro. E’ la proposta lanciata dal giornale on line Cronachedigusto.it e rivolta a tutti i pubblici esercizi dell’Isola che ha gia’ raccolto l’adesione di numerosi esercizi. Cronachedigusto.it ha fatto proprio l’appello di un produttore di arance di Ribera, Paolo Ganduscio. “E’ inconcepibile che la spremuta di un frutto cosi’ diffuso in Sicilia sia proposta a 2-3 euro, ancora peggio quando nei locali viene proposto il succo industriale in brik o in bottiglia”. Fino ad ora anno aderito una dozzina di bar e altri si aggiungeranno nei prossimi giorni. Tre i motivi per sposare questa iniziativa, secondo il direttore di Cronachedigusto.it, Fabrizio Carrera: “Diffondere un’abitudine poco radicata tra i siciliani, andare a favore dei consumatori con un prezzo sostenibile e, infine, c’e’ l’aspetto salutistico visto che la comunita’ scientifica ha da tempo confermato gli effetti benefici della spremuta di arance”.

Ilaria Calabrò