Permetterebbero sviluppo ed occupazione duraturi attraverso ricerca scientifica e tecnologica, sviluppo della legalità e delle imprese ad alto valore aggiunto. Sono i contratti di sviluppo e la zona franca per la legalità per i quali la Sicilia dispone di 130 milioni di euro già dalla delibera Cipe di agosto 2012 ma tutte le procedure sono, inspiegabilmente, al palo.

[Continua la lettura dell’articolo]