PALERMO. Roberto Vecchioni a Palermo incontra gli studenti di ingegneria per parlare di "Educazione" in occasione del convegno "Educare oggi" svoltosi presso l'aula magna della facoltà del noto ateneo palermitano. 

Il cantante, evidentemente provato per il lungo viaggio, non ha esitato un istante ad andare fuori tema e criticare la situazione disastrosa della sicilia:

«La Sicilia è un’isola di m…».

«In tutti i posti ci sono tre file di macchine in mezzo alla strada e si deve passare con una fatica tremenda. Su 400 persone ce ne sono 200 senza casco: è inutile mascherarsi dietro il fatto che hai il mare più bello del mondo e che hai questo e quello, non basta, sei un’isola di merda». 

Una dura lezione quella del maestro Vecchioni che ci mette in ridicolo davanti a tutti.

«La filosofia e la poesia antiche hanno insegnato cos’è la bellezza e la verità, la non paura degli altri, in Sicilia – ha aggiunto – questo non c’è, c’è tutto il contrario. E mi sono chiesto prima di arrivare qui, se dovevo dirle queste cose a voi ragazzi: Perché non gl’invento una sviolinata? Come siete bravi, avete inventato la Magna Grecia? Sinceramente no, io non amo la Sicilia che non si difende. Non amo la Sicilia che rovina la sua intelligenza e la sua cultura – ha continuato -. Che quando vado a vedere Selinunte, Segesta non c’è nessuno. Non amo questa Sicilia che si butta via. Mi dà un fastidio tremendo che la Sicilia non sia all’altezza di se stessa».

SECONDO VOI HA FATTO BENE?