Un ragazzino di appena 14 anni ha fatto irruzione in una scuola elementare durante le lezioni aprendo il fuoco contro bambini e insegnanti. Ennesima tragedia negli Stati Uniti, stavolta in South Carolina, nella città di Townville. Dapprima ha ucciso suo padre in casa e poi si è diretto verso la scuola dove ha ferito due bambini e una maestra, fortunatamente in modo non grave. L'adolescente è stato fermato e arrestato poco dopo dalla polizia.

Per alcuni momenti nella scuola si è temuto un nuovo atto di terrore contro i piccoli alunni come purtroppo già accaduto in passato negli Stati Uniti. Sul posto sono arrivate le teste di cuoio della polizia: la scuola frequentata da oltre 280 alunni è stata messa immediatamente in lockdown e poi evacuata. L'intera zona è stata bloccata per ore mentre alcuni testimoni hanno raccontato che diversi bambini si sono nascosti nei bagni durante l’attacco.

Secondo gli inquirenti però non si è trattato di un attentato ma di un atto solitario del 14enne che prima di andare nella vicina scuola ha ucciso il padre, il 47enne Jeffrey DeWitt Osborne, colpendolo al petto e solo successivamente si è diretto verso l'istituto che si trova a circa 3 km di distanza. Al momento non è chiaro se l'adolescente avesse un obiettivo preciso o ha sparato a caso. Uno dei bambini colpiti è stato ferito a un piede, l’altro a una gamba, mentre l’insegnante, la più grave, è stata colpita alla schiena.