Sono due gli importanti incontri di studio che caratterizzeranno la settimana del Museo Pasqualino.

Il primo inizierà mercoledì 18 (dalle 15 alle 19) e proseguirà venerdì 20 settembre (dalle 9 alle 13). Il Museo delle marionette ospiterà il convegno internazionale di studi “L’uomo e il cosmo nella storia. Paradigmi, miti, simboli” organizzato in collaborazione con la Fondazione Ignazio Buttitta.

Il convegno
“L’uomo e il cosmo nella storia. Paradigmi, miti, simboli” si propone come confronto fra studiosi di diverse aree disciplinari (dalla fisica all’antropologia culturale, dalla storia delle religioni e delle tradizioni popolari alla sociologia) per analizzare, da prospettive diverse, la complessa trama di relazioni che lega la cosmologia scientifica e le concezioni “cosmiche” elaborate sia dalle culture antiche e folkloriche sia dalle società contemporanee.
È noto come le visioni del mondo e della vita connesse alle rivoluzioni scientifiche e tecnologiche che hanno contraddistinto la storia umana, quantomeno a partire dall’Età Moderna, abbiano progressivamente impoverito il ruolo occupato dall’uomo nel cosmo. L’essere umano da gorgiana “misura di tutte le cose” diventa così presenza marginale in un cosmo sempre più destituito di ogni prospettiva finalistica. A differenza del pensiero scientifico moderno e contemporaneo, le cosmologie arcaiche e tradizionali attribuivano infatti al rapporto uomo-cosmo una centralità fortemente sacralizzata connessa a una serie di implicazioni mitico-religiose e cultuali ciclicamente rinnovabili.
Sebbene alcune interpretazioni della meccanica quantistica, alla base delle teorie scientifiche contemporanee, sembrino restituire una rinnovata cosmicità all’uomo nell’ambito del rapporto dialettico tra osservatore e osservato, la loro validità rimane questione aperta e oggetto di dibattito.

Comitato scientifico: Luciano Burderi (Università degli Studi di Cagliari); Ignazio Buttitta (Università degli Studi di Palermo); Michele Cometa (Università degli Studi di Palermo); Antonino La Barbera (INAF IASF Palermo); Andrea Santangelo (Università di Tübingen).

La partecipazione al convegno è gratuita previa registrazione (www.ifc.inaf.it/manandthecosmos).

Si prosegue, sabato 21 settembre, con un doppio appuntamento dedicato all’etnomusicologia, organizzato in collaborazione con l’International Council for Traditional Music e il Centro Studi Alan Lomax.

Dalle ore 9.30 alle 13, ancora al Museo Pasqualino, si terrà l’incontro annuale del Comitato Italiano dell’International Council for Traditional Music (ICTM).
Dalle 16.30 alle 21 seguirà il seminario di presentazione del nuovo Centro Studi Alan Lomax con numerosi interventi intesi a ripercorrere momenti della ricerca svolta in Italia dal grande etnomusicologo americano, insieme al maestro Diego Carpitella, tra il 1954 e il 1955.
Seguirà il concerto di musiche della tradizione orale siciliana, con la partecipazione di cantori e suonatori dei comuni di Alimena, Bagheria, Mirto, Riesi e Riposto.

Proseguono, infine, gli spettacoli quotidiani di Opera dei pupi in scena al Museo delle marionette il lunedì alle ore 11; da martedì a sabato alle ore 17.