Il Teatro del Sole di Palermo. Tour nel tempo di Palermo, dai Quattro Canti

attraverso i quattro mandamenti e
le sue quattro piazze più importanti, simbolo di epoche passate e di origini antiche e le loro trasformazioni nel tempo
Punto di raduno: Quattro canti
Domenica 9 agosto ore 16. Costo €20 (bimbi 5/10 anni €10)
Percorso: Piazza Marina, Piazza San Domenico, Piazza Verdi, Piazzetta Sett’Angeli

Dai Quattro Canti di città (denoninati anche teatro del sole (poichè a qualsiasi ora del giorno almeno un Canto è sempre illuminato dal sole), ottagono del sole e piazza Vigliena (in omaggio al Vicerè), dai quali si sviluppano i quattro mandamenti, sarà possibile seguire un percorso lungo quattro periodi storico-artistici di Palermo, attraverso il racconto della quattro piazze simbolo della sua storia millenaria: Piazza Marina, Piazza San Domenico, Piazza Verdi, Piazzetta Sett’Angeli.

Per partecipare all’evento è necessario acquistare i ticket in anticipo
tramite questa pagina www.terradamare.org/teatro-del-sole

Il percorso, comincerà da Piazza Marina, conosciuta, oggi, per la bellezza del giardino Garibaldi, ma cornice ideale per analizzare le origini della città e del quartiere della Kalsa, dall’arabo al Khalisa, che significa la pura o l’eletta.
Come diverse parti della città, le sue trasformazioni sono state molteplici, basti ricordare come esempi emblematici la presenza del Palazzo Chiaramonte, divenuto anche sede del Tribunale dell’Inquisizione e, contestualmente, il rapporto complesso con il mare, che si trova pochi passi più avanti, divenuto luogo di aggregazione per i nobili signori.
L a successiva tappa è Piazza San Domenico, luogo in cui insiste l’imponente Pantheon della città, la chiesa di San Domenico, nota in epoca spagnola come Piano Imperiale.
La piazza stessa si pone su più livelli di narrazione dal periodo barocco a quello novecentesco, poiché subì notevoli evoluzioni, innanzitutto per l’apposizione della colonna dell’Immacolata e poi, in epoca moderna, per il drastico taglio di Via Roma .
Piazza Verdi è il punto nevralgico attraverso il quale poter narrare le trasformazioni della città al di là dei Quattro Canti, un intero quartiere che viene stravolto per la realizzazione dell’immenso tempio del Teatro Massimo.
Un punto simbolo dell’epoca liberty, con la sua eleganza, la sua delicatezza, l’Esposizione Universale, le famiglie che hanno dato lustro alla città come i Florio o tutte quelle iniziative imprenditoriali dall’altissimo livello sia estetico che qualitativo.
Ultima tappa, chiudendo il cerchio di una città millenaria, dai molteplici capitoli sarà Piazzetta Sett’Angeli, punto attraverso il quale ritornare ancora alle origini della città, dalla sua suddivisione in Paleapolis e Neapolis, le stratificazioni romane e la splendida Cattedrale, che tra le sue guglie, i suoi disegni geometrici, mostra la multiculturalità della Palermo di Santa Rosalia, dei Mercati storici, del Genio, dei mosaici, delle leggende, del marmo e delle tante comunità che scrivono le storie di un libro immenso.

TERRADAMARE soc.coop.a.r.l. – via Nunzio Nasi 18 – Palermo
Sito  •  Facebook •  Twitter  •  Instagram