Sarà anche vero che ormai le videocassette fanno parte quasi soltanto dei ricordi, eppure non bisogna dimenticare ci hanno accompagnato per molto tempo. Molti di noi, tra l'altro, amano ancora guardarle. Negli anni 80, il VHS era il principale supporto per registrare video o per vedere film in casa: con l'arrivo del DVD è finita la sua epoca d'oro, e adesso si chiude definitivamente la sua era.

È stata infatti annunciata la chiusura della Funai Electric, ultima linea giapponese che produceva videoregistratori (VCR, Video Cassette Recorder). Si andrà avanti fino ad agosto, poi lo stop definitivo. Funai Electric chiude i battenti non soltanto per la scarsa clientela, ma anche per l'irreperibilità dei pezzi necessari.

«Una ditta che produceva componenti per noi ci ha fatto sapere che era troppo difficile continuare a farlo con i ricavi a questo livello e hanno smesso: ciò ci ha portato alla decisione, non possiamo assemblarli senza quelle componenti»: con queste parole, un portavoce di Funai ha spiegato le motivazioni di questa scelta, aggiungendo che i centralini dell'azienda sono stati tempestati dalle telefonate di utenti disperati, che non hanno preso bene la notizia della chiusura dell'ultima fabbrica di videoregistratori.  Di fatto, l'anno scorso l'azienda nipponica ha venduto 750.000 VCR, una cifra da non disdegnare, se consideriamo che i videoregistratori vengono ormai considerati obsoleti.