L’Hotel Villaggio Punta Spalmatore di Ustica è in vendita. Si tratta di una delle strutture ricettive più celebri dell’isoletta di fronte Palermo. Ci potrebbero essere nuove opportunità per la riapertura del grande complesso. Tutti i dettagli.

Hotel Villaggio Punta Spalmatore all’asta

L’annuncio della vendita del villaggio turistico di Ustica è apparso sul sito Aste Giudiziarie ed è anche riportato su diversi portali che si occupano proprio di mercato immobiliare. Nell’avviso si legge che il prezzo base è di 6.965.000 euro e che l’offerta minima efficace è pari a 5.223.750 euro. La vendita si terrà nella giornata del 21 giugno 2022, alle ore 10.

Tutti i dettagli dell’asta sono online. Il complesso alberghiero di Punta Spalmatore si trova in Contrada Spalmatore. È composto da struttura alberghiera centralizzata, fabbricato destinato a ristorante-cucina, bar-club e pizzeria, piscina, anfiteatro, terrazze e solarium, area attrezzata per bambini e luogo per il culto, due campi da tennis, un campo di calcetto, aree destinate alla viabilità e al verde.

La struttura ricettiva, che occupa una superficie di 31.476 metri quadrati. Dispone di 80 camere con bagni e 112 bungalow, oltre a reception, uffici, sala conferenze e terrazze. L’area di Cala Spalmatore è celebre per la sua torre d’avvistamento borbonica.

Ustica è la più settentrionale delle isole minori della Sicilia. Si trova proprio di fronte Palermo e raggiungerla è molto facile: è collegata giornalmente da traghetti e aliscafi. Meno modaiola di altre isolette, punta su una straordinaria natura e un contesto marino incontaminato.

È stata generata dalla forza esplosiva del vulcano che l’ha plasmata e le ha donato quella sua bellezza a tratti selvaggia, frastagliata di grotte che si aprono lungo coste scoscese, segnate da scogli e secche che si succedono e cingono la terra.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati