Ancora problemi per i collegamenti autostradali tra Palermo e Catania: i carabinieri hanno sequestrato, nella giornata di ieri, il tratto del viadotto Cinque archi sulla A19, che era già interrotta a qualche chilometro di distanza, dopo il cedimento del viadotto Himera, che ha di fatto "diviso" in due la Sicilia.

I piloni del viadotto Cinque archi, che poggiano sull'alveo del fiume Salso, sarebbero stati intaccati dall'azione erosiva delle acque, al punto da influire sulla loro stabilità. Gli inquirenti hanno aperto un'indagine a carico di ignoti per attentato alla sicurezza dei trasporti, in seguito alla situazione di pericolo per la circolazione causato dallo stato di alcuni piloni del viadotto.

La Procura della Repubblica di Caltanissetta ha disposto una serie di perquisizioni nella sede della direzione regionale dell'Anas a Palermo e nell'ufficio grande viabilità dell'Anas di Enna, alla ricerca di documenti, progetti costruttivi, comunicazioni e provvedimenti di manutezione relativi al viadotto. L'autostrada è percorribile sull'altra carreggiata, in doppio senso di marcia.