Trovare l'antitetanica in farmacia sembra un'impressa impossibile. Ad accendere i riflettori sulla questione è La Sicilia, che racconta l'odissea vissuta nel Catanese da una signora di 65 anni per trovare una fiala. La questione, tuttavia, si estende a tutta l'Italia, perché l'Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) ne ha segnalato da tempo la produzione insufficiente. Gli ospedali hanno ancora scorte, ma negli scaffali delle farmacie la situazione è più difficoltosa.

Come spiega il presidente regionale, nonché vicepresidente nazionale di Federfarma, Gioacchino Nicolosi: «È vero, sta diventando un problema serio – ammette – che riguarda da alcuni mesi non solo la Sicilia, ma anche l’Italia e l’Europa. C’è difficoltà nella produzione delle immunoglobuline contro il tetano. Come Federfarma nazionale abbiamo fatto più segnalazioni al ministero. All'inizio qualche scorta è arrivata nelle farmacie, ma adesso non ne abbiamo più».