Il Comune di Palermo ha istituito il registro dei testamenti biologici. In sostanza, si potrà decidere anticipatamente se essere sottoposti o meno a determinati trattamenti sanitari in caso di patologia grave o irreversibile. Lo ha deciso oggi la giunta comunale riunitasi a Villa Niscemi. Entusiasta l'assessore alla partecipazione Giusto Catania:

Il cosiddetto testamento biologico consente a ciascuno di noi di decidere, in un particolare momento della vita in cui non siamo in grado di manifestare il nostro consenso o rifiuto, se essere o meno sottoposti a determinati trattamenti che ci mantengono in vita. Era necessario che il Comune provvedesse alla creazione di un'apposita procedura di consegna, registrazione e custodia delle dichiarazioni anticipate di trattamento di carattere sanitario, nel rispetto della normativa, con particolare riguardo a quella in tema di privacy.

Il servizio stato civile raccoglierà le dichiarazioni anticipate secondo un modello nel quale la persona dichiara quali terapie accettare o meno in caso di incapacità. Inoltre sarà possibile nominare un fiduciario al quale affidare l'esecuzione della propria volontà.