Un impiegato 53enne di Rimini, da più parti definito "insospettabile", è stato arrestato per pedofilia. In casa sua le forze dell'ordine hanno trovato parecchio materiale pedopornografico, facendo fatica a credere ai propri occhi. In particolare, l'uomo conservava un vero e proprio dossier di 40 pagine su Yara Gambirasio, la ragazzina di Brembate di Sopra uccisa nel 2011 e per il cui omicidio Massimo Bossetti sta scontando l'ergastolo.

Nell'orribile volume, il pedofilo conservava foto, ritagli e filastrocche oscene con riferimenti sessuali alla ragazzina. Il sospetto degli investigatori è che il materiale venisse condiviso con altri pedofili, e che vi sia una vera e propria rete, molto estesa, dietro l'arresto dell'uomo, ora detenuto nel carcere dei Cassetti di Rimini.