Ascensori siciliani da Piazza Armerina al Qatar. È la sfida della ditta Ascensori Ferrara, fondata 50 anni fa, che ha deciso di investire nel paese arabo, per sfuggire alla crisi. I titolari e i loro 30 dipendenti stanno cominciando a sorridere, come spiega il "Giornale di Sicilia". 

Ranieri Ferrara, al ritorno dal suo decimo viaggio in Qatar in un anno, spiega la genesi del progetto: "Con la crisi o ti fai venire delle idee o chiudi. Ci siamo avventurati in questi mercati inizialmente per caso, ma poi con decisione investendo non poco in termini di risorse economiche. Il Qatar è una sorta di cantiere perenne, un paese dalle prospettive di crescita impressionanti e interessante per tante aziende italiane".

La concorrenza delle imprese inglesi e cinesi non manca, "ma riusciamo ad avere comunque interessanti prospettive di mercato – prosegue l'imprenditore – Il nostro è un prodotto di nicchia che piace perché realizzato ancora interamente a livello artigianale tutto da noi, dalla progettazione all'impianto stesso".

'Ascensori Ferrara' è stata l'unica azienda siciliana a partecipare a Doha, nei giorni scorsi, a una fiera organizzata dall'Ice per una trentina di imprese italiane. L'Italia è il terzo paese fornitore europeo in Qatar dopo Regno Unito e Germania.

(foto d'archivio)