Ridurre incidenza e mortalità per una serie di tumori con una dose di aspirina ogni giorno: in America questa è diventata una certezza e un panel di esperti ha deciso di indicare la 'aspirinetta' (cioè la dose inferiore ai 100 milligrammi, usata a scopo preventivo) anche come strumento per chi è esposto a maggior pericolo di cancro al colon.

Diverse ricerche scientifiche sono già giunte ad alcune conclusioni simili: l'uso regolare della cardio-aspirina diminuirebbe le probabilità di ammalarsi di varie forme di cancro e nei pazienti che sono stati già colpiti da neoplasia abbasserebbe la mortalità, riducendo il rischio di sviluppare metastasi.

La prescrizione di aspirina in chiave preventiva per alcuni disturbi del cuore è già diffusa in tutto il mondo, ma nessuno stato aveva mai inserito ufficialmente questa indicazione anche in chiave anti-cancro, come ha fatto l'America.