Innalzate al massimo le misure di sicurezza negli scali siciliani dopo gli attentati a Bruxelles. Nel momento in cui scriviamo, i morti sono 26 e i feriti hanno abbondantemente superato le 100 unità. A cominciare dall'aeroporto Falcone Borsellino di Palermo, sono state messe in pratica le direttive stabilite dal Viminale per tutti gli scali italiani.

Il Dipartimento di Pubblica Sicurezza ha disposto un ulteriore rafforzamento dei dispositivi di controllo, già elevati. È stato disposto inoltre un coordinamento immediato con tutte le forze di sicurezza presenti negli aeroporti e uno scambio informativo con le direzioni aeroportuali e con le società che gestiscono gli scali.

Oggi nessun volo era previsto in arrivo o in partenza per Bruxelles nello scalo palermitano. Neanche a Catania e Comiso erano previsti voli da e per la capitale belga. La Sac consiglia ai passeggeri in transito a Fontanarossa di recarsi almeno due ore prima dell’orario previsto per la partenza, per agevolare tutti i controlli necessari al fine di attuare le dovute misure di sicurezza.

La Gesap ha ribadito ai viaggiatori in transito nello scalo palermitano le regole di sicurezza dettate dai Regolamenti dell’Unione Europea e dal Programma Nazionale di Sicurezza emanato dall’Enac. A Trapani è previsto un volo Ryanair in arrivo alle 20 e uno in partenza alle 14,25 Bruxelles Charleroi, ma ancora Ryanair non ha comunicato all'Airgest la cancellazione del volo.

(foto Repubblica)