L'Agenzia delle Entrate ha reso noto che si sono verificati nuovi tentativi di truffa ai danni dei contribuenti. In particolare, si tratta di alcune lettere, somiglianti a quelle ufficiali, che richiedono denaro a seguito di un fantomatico "controllo del Fisco".

Nei giorni scorsi alcuni utenti hanno ricevuto, spiega l'ente, «Una falsa lettera di richiesta di chiarimenti sulla base di presunti controlli automatizzati delle dichiarazioni e redditometro. Nella lettera, che ricalca quelle ufficiali dell'Agenzia delle Entrate con il logo e la riproduzione della firma di un dirigente, si chiede ai contribuenti di regolarizzare la propria posizione versando una somma superiore a 4mila euro tramite conto corrente postale o bonifico bancario ad una società».

L'Agenzia non ha nulla a che vedere con queste lettere e non richiede mai alcun tipo di pagamento tramite conto corrente postale o bonifico bancario, ma solo con l'utilizzo dei modelli di pagamento F23 o F24. L'invito è quello di non dare seguito alle richieste e di denunciare il tentativo di truffa.