Siete soliti viaggiare in auto con un navigatore o un'app dello smartphone che vi segnala in tempo reale (stile radar) la presenza di autovelox lungo le strade? Allora c'è qualcosa che dovreste sapere: potete rischiare addirittura 3.000 euro di multa.

La notizia è stata diffusa da Libero e riportata da altri quotidiani. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta.

Secondo quanto riportato da Libero, una recente sentenza della Corte di Cassazione (n.24221/15 del 27/11/2015) ribadisce la legge in vigore che sanziona i "segnalatori istantanei" come navigatori e "anti-autovelox" a bordo, con multe da 808 a 3.238 euro e confisca e distruzione del medesimo dispositivo.

Bisogna, però, fare una importante distinzione tra i dispositivi  e leggere bene la sentenza della Cassazione:

Sono fuorilegge – riporta Libero – quelli che permettono una rilevazione in tempo reale di tutor e autovelox effettivamente attivi, in stile 'radar', mentre sono permessi quelli che segnalano genericamente la presenza di autovelox fissi. In quest'ultimo caso ci si riferisce ai normali navigatori satellitari che indicano la velocità consentita in determinati tratti di strada.