A Bagheria apre il nuovo ufficio microchippatura per cani e gatti, messo a disposizione dal Comune per l’ASP. Il servizio sarà disponibile dal primo agosto, e sarà gratuito.

Ufficio microchippatura a Bagheria

L’ufficio di Bagheria si inaugura mercoledì 12 luglio alle ore 12, in un bene confiscato alla mafia, in via Massimo D’Azeglio 23, ex complesso SICIS. I proprietari o i detentori di cani sprovvisti di microchip e non ancora iscritti all’anagrafe canina regionale potranno fruire di questo servizio che sarà disponibile dal primo di agosto dove un medico veterinario sarà a disposizione degli animali per l’espletamento del servizio a titolo gratuito.

L’ufficio microchippatura per cani e gatti è messo a disposizione dal Comune per l’ASP, l’azienda sanitaria provinciale, e nell0 specifico al servizio Anagrafe canina. “È questa un’azione che il Comune ed Asp, in sinergia, mettono in campo anche per il controllo del randagismo ed il contestuale benessere degli amici a quattro zampe, oltre che per l’incolumità dei cittadini”, commenta l’assessore al Randagismo Giuseppe Tripoli.

Tutte le attività saranno realizzate dal Dipartimento di Prevenzione Veterinario dell’ASP di Palermo – Unità Organizzativa di Bagheria diretto dal dottor Antonino Pecoraino. Asp e Comune hanno recentemente sottoscritto un protocollo di intesa con il quale si prevedeva l’assegnazione del bene confiscato ad Asp.

Il protocollo, che istituisce il punto in cui verranno effettuate le operazioni di identificazione ed iscrizione all’anagrafe canina di cani e gatti, chiarisce le diverse attività che il Comune e l’Asp dovranno garantire e prevede inoltre la formazione ed informazione per i cittadini che vogliano usare il servizio per i loro amici a quattro zampe ma anche per le scuole.

Proseguono intanto lavori di progettazione per la realizzazione di un ricovero sanitario per cani e gatti, un canile municipale. Con la determina 139 del 9 maggio scorso è stato affidato l’incarico di progettazione. La nuova iniziativa di Bagheria si inserisce in diverse attività già in corso in Sicilia per contrastare il fenomeno del randagismo e tutelare gli amici a 4 zampe, come la decisione del Comune di Giarre di scontare la Tari a chi adotta un randagio.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati