malore_camionistaL’autotrasporto italiano non si fermera’. Le maggiori sigle sindacali del Paese che rappresentano il 90% degli operatori del trasporto, Fai-Conftrasporto, Anita, Fita Cna, Confartigianato Trasporti, hanno revocato la protesta lo scorso 28 novembre, dopo la firma di un protocollo presso il ministero dei Trasporti con il quale il governo ha definito importanti interventi per la categoria“. Lo ha dichiarato Paolo Ugge’, presidente diUnatras, la sigla che unisce le maggiori sigle italiane dell’autotrasporto, e presidente di Fai-Conftrasporto.

Il leader dei Forconi, Mariano Ferro, che stamane ha rilasciato dichiarazioni ai principali mezzi d’informazione parlando di fermo dell’autotrasporto, non dice il vero, non essendo lui stesso un operatore del trasporto e non appartenendo ad alcun sindacato di categoria – prosegue il presidente Unatras – Ferro e’ il leader di un movimento politico di protesta che, a quanto si legge sui volantini, mira alla ‘rivoluzione’. Qualche associazione locale di trasportatori ha aderito alla protesta, ma nulla piu‘”. Ugge’ rivolge un invito ai responsabili dell’informazione italiana, affinche’ “il Paese non cada schiavo della comunicazione di terrore propinata da movimenti ‘rivoluzionari’ ma di certo minoritari“.

Dario Lo Cascio