Dopo quel pacchione di Ferrara, arriva  un altro campione di rutto libero: Borghezio che già l’anno scorso dichiarò «Inutile negare che la mafia in Sicilia e la camorra in Campania sono saldamente radicate nel territorio, quindi una soluzione potrebbe essere che Monti la venda a uno stato estero o a qualche miliardario visto che non si riesce ad estirpare il malaffare troppo radicato. Nonostante i numerosissimi siciliani e campani onesti non c’è speranza»

[Continua la lettura dell’articolo]