Scade il 30 aprile il termine per l'invio dell'autocertificazione di non possesso della televisione: si tratta dell'unico modo per non pagare il canone Rai, che verrà addebbitato direttamente sulla bolletta della luce dei contribuenti. L'Agenzia delle Entrate lo ha chiarito in attesa del decreto che attuerà le nuove regole sul canone Rai introdotte dalla legge di Stabilità 2016. 

A tal proposito, il portale "La legge per tutti" ricorda che la comunicazione di non possesso della televisione dovrà essere ripetuta ogni anno, poiché ha validità annuale

Essendo stata ormai abolita la possibilità di disdire l’abbonamento tv tramite la pratica del suggellamento – spiega il portale – gli unici contribuenti che non pagheranno (salve ovviamente i beneficiari dell’esenzione perché over 75 anni e con un reddito inferiore a 6.713,98 euro) saranno coloro che non posseggono un televisore, a patto però che lo comunichino all’Agenzia delle Entrate entro il 30 aprile.