Il caro-biglietti aerei continua. A due mesi dal Natale, i prezzi per chi volesse rientrare in Sicilia per le vacanze sono proibitivi. "La Sicilia" ha fatto un po' di prove per vedere se il luogo comune è smentibile o meno. Niente da fare, per i siciliani sarà un salasso. Ecco quanto si legge:

Partiamo da Milano. Prenotare ieri (il 29 ottobre, ndr) costava 164 euro con Meridiana, 170 con Ryanair, 220 con easyJet e 331 con Alitalia. Stessa data, da Milano a Parigi? 88 euro Alitalia, 75 easyJet, 20 Ryanair. E da Roma, invece? Tariffa più bassa Vueling 90 euro, Alitalia 94, Ryanair 111 (in compenso, però, se vuoi andare a Copenaghen ti ci porta con 45 euro) e Meridiana 242. Non sono nemmeno queste tariffe a prezzo stracciati, chiaro.

Se poi andiamo a leggere i prezzi degli aerei di uno degli scali più battuti del Nord Est, Venezia (utilizzato da chi sta a Padova, a Trento e in quell’area ricca di università e industrie), scopriamo che Alitalia (con scalo) costa 205 euro per Catania e 180 per Palermo. E anche Volotea ti porta a Palermo, ma con 192 euro. E dall’area del Nord Ovest, politecnico di Torino e dintorni? Un Torino-Palermo con Volotea è 292 euro, con Ryanair 327, e, stavolta, quasi quasi ti conviene Alitalia che ti regala il biglietto A/R a 218 euro.

Ci sarebbe un ultimo test, da un aeroporto strategico del Centro Nord, Bologna. Dal Gugliemo Marconi al Vincenzo Bellini Ryanair chiede per quelle date 276 euro, Alitalia 215.